“COMMENTO DELLA DOTT.SSA STEFANIA RAGONI, ALLORA DIRIGENTE ISTITUTO COMPRENSIVO POMARANCE, SUI SASSI MAMMELLONATI”, “ALCUNE POESIE DELLA STESSA AUTRICE” e “UN COMMENTO A POESIE DI TERZI”; a cura di Piero Pistoia, Editore

POST IN VIA DI COSTRUZIONE…

Se la dott.ssa Ragoni volesse modificare o integrare i suoi scritti od anche sopprimere questo post, ovvero scrivere su qualche altro argomento, conforme allo spirito di questo blog… contattare ao123456789vz@libero.it.

Riproponiamo il commento della dott.ssa Stefania Ragoni sui “sassi mammellonati”, per renderlo più visibile, data la sua densità espressiva e culturale, a fronte degli altri ben undici commenti  riportati, in questo blog, al termine dell’articolato post, su questi oggetti, firmato da Piero Pistoia e Giacomo  Pettorali

 

 VEDERE” LA BELLEZZA DI UNA PIETRA E’ UN DONO

E’solo un sasso “. E’ un primo commento di qualcuno, forse di molti, comprensibile in un mondo in cui non tutti sono filosofi . O poeti.

Galileo, davanti a un sasso, aveva l’ardire di supporre che anche dietro quell’oggetto informe, si celassero le leggi universali della natura, svelando le quali si troverebbero i disegni di Dio. Così apriva la suggestiva terra di confine tra scienza e religione in cui anche oggi ci ritroviamo, più o meno schierati nell’uno o nell’altro campo.

Certo, è sconvolgente pensare che anche i sassi sono composti di molecole come noi, e che sono gli spazi intercellulari, i legami, a determinare, talvolta, le infinite forme di questo nostro universo, così ricco da togliere il fiato. E pensare che il sasso, questi sassi, c’erano molto prima di noi e saranno ancora lì quando di noi si sarà persa ogni traccia. Noi abbiamo il potere di forzarlo, di modificarlo, ma tra cent’anni lui sarà qui. E noi no.

E’ già stato pietra di una casa, muro di un campo o drenaggio di un oliveto e potrà esserlo ancora, cambiando sì, ma con una lentezza sconvolgente, terribile. Perché il suo tempo è un altro tempo : non è il nostro che è un soffio.

E, fra tanti, ci affascinano questi sassi di fiume, perché ritroviamo la dinamicità della vita, delle modifiche, del lento divenire che anche un sasso mostra, i segni del suo scontro quotidiano con l’altro elemento sacro: l’ acqua.

Non te lo sai spiegare, ma se ti fermi davanti a un sasso, come davanti all’acqua o al fuoco, ti perdi .

Non quesiti metafisici scaturiscono, ma il senso di una sacralità atavica che componeva di sassi i templi agli dei o i cerchi magici nei campi dove non streghe, ma antiche donne “ sagge “ cercavano la divinità dentro di loro, prima che il Cristo lo confermasse che è vero, Dio è anche dentro di noi.

E pensi che proprio una pietra il Cristo ha indicato a simbolo della Sua Chiesa : richiamandoci a un tempo infinitamente più grande del nostro, di noi cellule di Divino i cui legami sono altrettanto invisibili di quelli di un sasso, ma misteriosamente belli .

E attraverso il dono di “ vedere “ la bellezza di una pietra, scopri l’altro elemento divino del creato :

l’ unicità. Ogni sasso è di diversa bellezza, ha una sua forma, le sue esperienze, la sua storia. E’come noi : bello, unico, irripetibile.

Non so cosa abbia mosso Piero, come alcuni di noi, a raccogliere sassi, a circondare di sassi la propria casa e la propria vita .

Quello che so è che i raccoglitori di sassi sono esseri particolari.

Raccoglitori di forme dell’ armonia dell’ universo. Alla ricerca continua di risposte. Di “ quelle “.

Stefania Ragoni

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Per leggere alcune brevi poesie della stessa autrice ed altro (trasferiti dal Sillabario cartaceo), in pdf, cliccare sul link:

Stefania Ragoni_poesie0001

Per leggere un commento a poesie di terzi:

ASPETTI DIONISIACI DELLA POESIA

DI PIERO PISTOIA

Dott.ssa  STEFANIA RAGONI 

piero_pistoia_poesiek1

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

LE POESIE DI PIERO PISTOIA SUL BLOG SONO RAGGRUPPATE, FRA L’ALTRO, ALLE SEGUENTI VOCI (tags)

Riflessioni non conformi

Poesie di paese

Fatica di vivere

Memoria memoria…

Poesie di caccia e Natura

Poesie di “cose” del mito

Solo rassegnazione

Tempi perduti

 

“UN APPROCCIO DIDATTICO OPERATIVO ALLA ANALISI DI FOURIER SU DATI SPERIMENTALI E SIMULATI COL SUPPORTO DEL SOFTWARE MATHEMATICA DI WOLFRAM; cenni al rapporto fra senso comune ed insegnamenti dei saperi preposti alle scelte”; del dott. Piero Pistoia

Per leggere lo scritto guida del dott. Piero Pistoia in pdf cliccare sul link seguente:

ARTFOUART-math1OK

Per seguire le esercitazioni col MATHEMATICA e vedere i grafici relativi  integrare con  il post “Un parziale percorso di base sulla analisi di una serie storica reale“; in particolare: Appendix5 che comprende “math_funzione_premessa1 in pdf” scritto sempre di Piero Pistoia

“OGNUNO COSTRUISCE NEL TEMPO LA PROPRIA ‘RELIGIONE’ SULLA VITA VISSUTA”; ed “EVOLUZIONE: APPUNTI DIDATTICI”; riflessioni di Piero Pistoia

Vers. forse…definitiva: per leggere questa riflessione di Piero Pistoia in pdf cliccare sul link seguente:

Evoluzio_traccia99_OK

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

TABELLA ORIGINE DELLA VITA SULLA TERRA (in jpg)

Fino ad esplosione del Cambriano medio

TABELLA DELLA ORIGINE DELLA VITA SULLA TERRA (in pdf)

TABELLA origine vita0001

 

ESORCIZZARE IL MALE ed altro; di Roberto Niccolini, OpinioniWEB-XYZ

Post in via di modifica…

Scritto di R. Niccolini trasferito da OpinioniWEB (opinioni per districarsi nel marasma delle mezze verità quotidiane).

Esorcizzare il male

Ho deciso di ripubblicare un post di qualche hanno fa, è fonte per me di riflessione visto la situazione di allarmismo che si è creata per la diffusione del corona virus. Allora rimasi assai sorpreso nello scoprire che una bellissima filastrocca, “Giro giro tondo”, fosse in realtà una specie di esorcismo nei confronti della diffusione della terribile peste nera. Qualcuno l’ha forse mai associata a qualcosa di così tremendo e angosciante? A me riporta piacevoli ricordi d’infanzia! Se è stata scritta in un periodo in cui la scienza era davvero impotente di fronte alla malattia. possiamo dire che essa ha certamente assolto la sua funzione ludica e lenitiva di fronte al male. Oggi certamente in chi la recita spensierato di quei momenti terribili non c’è più traccia! Soprattutto nei bambini, più aperti degli adulti alla dimensione del mistero, dell’oltre. Infondo loro hanno messo appena il piede in questa vita e le sovrastrutture mentali e materiali della società in cui vivono non li hanno ancora condizionati. Forse nell’antichità tutti, anche gli adulti, erano in grado di vedere un ponte fra il qui e il non è ancora, proiettando la vita in una dimensione trascendente. Forse c’era anche una maggiore accettazione della propria dimensione umana e naturale, non imperava in modo così assoluto la sete di dominio sull’Essere e sul mondo. Ma soprattutto, visti gli strumenti limitati della scienza, ci si affidava alla preghiera.  La preghiera, in ogni sua forma, è davvero uno strumento potente: essa implica l’ammissione umana di un bisogno, di un chiedere aiuto; essa inoltre celebra la vita rivolgendosi a Dio, o ad un principio creatore. Eppure è ciò che più manca nella nostra realtà, farcita di tanta razionalità e assai poca fiducia. Non solo nell’altro, ma anche nella presenza di un Bene superiore in grado di giustificare l’Essere e sostenere la vita di fronte al non senso e al male.

Giro tondo

 

220px-Angelico,_giudizio_universale_01b.jpg.cf
Giudizio universale – Beato Angelico

Giro, giro tondo

casca il mondo

casca la terra

tutti giù per terra.

 

Una filastrocca per esorcizzare la morte, probabilmente di origini inglesi, inventata al tempo della peste nera quando mieteva vittime a migliaia e lasciava pochi dubbi sulla triste sorte di noi miseri umani.

IMG_20170715_105432
Barrea e il suo lago

Sulle sponde del lago di Barrea, formato da uno sbarramento artificiale all’inizio degli anni 50, nel 2005 a seguito di lavori realizzati per una pista ciclabile, è stata rinvenuta una necropoli sannita risalente al primo secolo avanti Cristo, gli antichi abitanti della valle del fiume Sangro appunto. Essa ha proprio una forma circolare, i defunti “tutti giù per terra” ma comunque vicini alla luce, a pochi centimetri dalla superficie, sono riaffiorati a ricordarci insieme alle nostre fiere origini “italiche”,  il legame con l’eternità che il cerchio, figura senza inizio e senza fine, simboleggia da sempre.

Il nome Italia deriva dall’antica lingua dei sanniti e significa libertà: dalle oppressioni, dalle ingiustizie e forse perfino dalla morte. La libertà è un peso per niente lieve da portare, un diritto ma anche un dovere per ogni uomo e di ogni popolo che creda nella vita (il cerchio) e giochi con la paura e con la morte (tutti giù per terra) esorcizzandola ancora e ancora e ancora verso l’infinito.

“PERCHE’ INSEGNARE LA SCIENZA” e “UMANESIMO SCIENZE TECNOLOGIA”: editoriali ripresi dalla rivista “Didattica delle Scienze”, ed. La Scuola, Brescia, scritti dal Direttore, l’accademico Mauro Laeng, docente di Pedagogia all’Università di Roma.

Post in via di costruzione….

Questi scritti sono stati trasferiti da ‘Didattica delle Scienze’ N. 67,  e N. 174, Ed. La Scuola, Brescia. Ringraziamo autore ed editore della rivista se ci permetteranno di mantenerli sul nostro blog, senza alcun fine di lucro e completamente auto-finanziato, il cui unico scopo è la comunicazione culturale gratis; di fatto non riceve alcun contributo sociale o di altra natura, per nostra scelta; altrimenti, avvertito l’Editore del blog, alla mail ao123456789vz@libero.it, verrà soppresso.

PREMESSA

 

Per leggere l’editoriale “Perché insegnare la Scienza” cliccare sul link seguente:

LAENG0001

Per leggere l’editoriale “Umanesimo Scienza Tecnologia” cliccare sul link seguente:

LAENG10001

LEONARDO OSANNATO, MA NEL NOSTRO TEMPO NON CAPIREMMO LA SUA INCOMPLETEZZA; scritto dal dott. prof. Alfonso M. Iacono

L’interessante riflessione su Leonardo da Vinci di Alfonso M. Iacono che segue, è stata ripresa dal Tirreno (Pisa-Pontedera) del 21-Ottobre-2019, riportata nella pagina delle  ATTUALITA’ (PAGINA APERTA). Ringraziamo Il Tirreno e l’autore se ci permetteranno di mantenerla su questo blog, che è auto-finanziato, senza alcun fine di lucro, il cui unico scopo è la comunicazione culturale gratis. Altrimenti, avvertiti alla mail ao23456789vz@libero.it, la sopprimeremo.

Sguardo sinistro

LEONARDO OSANNATO, MA NEL NOSTRO TEMPO

NON CAPIREMMO LA SUA INCOMPLETEZZA

di Alfonso M. Iacono

Per leggere lo scritto cliccare sul link seguente:

LEONARDO_Tirreno_21-10-2019

 

 

UN TERZO STUDIO SU LEONARDO E LA GIOCONDA: UNA TAVOLA QUASI ARMONICA; dello studioso Walter Cardellini

PREMESSA DELL’AUTORE DELLO SCRITTO

Questo studio in pdf cerca di far luce su certe particolarità celate nelle misure della tavola. Queste come si avrà modo di vedere non corrispondono con le note misure della superficie dipinta, ma nei testi; si sorvola sempre su tale aspetto. Preciso che l’articolo non propone verità assodate ma invita solo a riflettere su certi aspetti ignorati dalla critica. 

Questo è il link per connettersi eventualmente in rete all’articolo già pubblicato sulla rivista d’arte Fogli e Parole d’Arte.  https://www.foglidarte.it/il-rinascimento-oggi/536-leonardo-gioconda-armonica.html   

Alla proposta fatta dall’Editore di questo blog al fine di studiare i sassi mammellonati, pur lusinghiera, si ringrazia, perché abbiamo trovato già difficile confrontarci con certi rapporti proporzionali legati alle figure geometriche piane, figuriamoci nel caso di forme create dalla Natura la cui geometria è per forza di cose molto più approssimata. 

Walter Cardellini

Per leggere lo scritto cliccare sul seguente link

Leonardo e la Gioconda. Una tavola ‘quasi’ armonica.

 

Si possono leggere gli altri due scritti della Triologia su LEONARDO E LA GIOCONDA di Cardellini cercando su questo blog.

 

‘VERISIMIGLIANZA’, VERITA’ E APPROSSIMAZIONE ALLA VERITA’, scritto di Dario Antiseri – Giovanni Federspil; a cura dell’Editore del blog Piero Pistoia

Post in via di costruzione…

Questo scritto è stato trasferito da ‘Didattica delle Scienze’ N. 75, Ed. La Scuola, Brescia. Ringraziamo autori e redazione se ci permetteranno di mantenerlo sul nostro blog, senza alcun fine di lucro e completamente auto-finanziato, il cui unuco scopo è la comunicazione culturale gratis; di fatto non riceve alcun contributo sociale o di altra natura, per nostra scelta; altrimenti, avvertito l’Editore del blog, alla mail ao123456789vz@libero.it, verrà soppresso.

Per leggere in pdf lo scritto di Antiseri e Federspil, cliccare sul link seguente:

VERISIMIGLIANZA E VERITA’0001

HYPOTHESIS NON FINGO: EPPURE IL METODO INDUTTIVO NON ESISTE; scritto dell’epistemologo accademico Dario Antiseri; a cura del dott. Piero Pistoia

POST in via di sviluppo…

Questo scritto è stato trasferito da ‘Didattica delle Scienze’ N. 66, Ed. La Scuola, Brescia. Ringraziamo autori e Redazione se ci permetteranno di mantenerlo sul nostro blog; altrimenti, avvertito l’Editore del blog – che è senza alcun fine di lucro e completamente auto-finanziato, il cui unico scopo è la comunicazione culturale gratis e di fatto con riceve alcun contributo sociale o di altra natura, per nostra scelta –   alla mail ao123456789vz@libero.it, verrà soppresso.

Leggere l’articolo di Antiseri in pdf, cliccando sul link seguente:

INDUZIONE FISICA0001

MEMORIA BIOLOGICA MONDO 3 E STATI PROBLEMATICI OGGETTIVI; scritto dell’accademico epistemologo Dario Antiseri; a cura dell’Editore Piero Pistoia

Questo post è invia di costruzione…

Questo scritto è stato trasferito da ‘Didattica delle Scienze’ N. 68, Ed. La Scuola, Brescia. Ringraziamo autori e Redazione se ci permetteranno di mantenerlo sul nostro blog, senza alcun fine di lucro e completamente auto-finanziato, il cui unico scopo è la comunicazione culturale gratis (non riceve infatti alcun contributo sociale o di altra natura, per nostra scelta); altrimenti, avvertito l’Editore del blog, alla mail ao123456789vz@libero.it, verrà soppresso.

Leggere in pdf lo scritto del dott. prof. Dario Antiseri, cliccando sul link seguente, scusandoci delle varie ‘evidenziature’ dovute ad intense letture:

ANTISERI_MEMORIA BIOLOGICA_mondo30002