PROBLEMI SULLA ENERGIA: post aperto a varie voci (Intervista a Marco Rosa-Clot, articolo Enel Green Power, contributo redazione ANSA.it ed altro); a cura del dott. Piero Pistoia

POST DA CONTINUARE…

Ringraziamo Autori e Redazioni se ci permetteranno di mantenere su questo blog, che è senza alcun fine di lucro e completamente auto-finanziato, il cui unico scopo è la comunicazione culturale, i successivi interventi. Questo blog, per sua scelta, non riceve alcun contributo sociale o di altra natura. Altrimenti, avvertiti alla mail dell’Editore del blog, ao123456789vz@libero.it, li sopprimeremo.

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Per leggere il primo intervento sull^attuale dibattito energetico, una intervista all^accademico Marco Rosa-clot, promossa da <BYOBLU – la TV dei cittadini>, cliccare sul link successivo.

CURRICULUM SINTETICO DEL DOTT. PROF. ROSA- CLOT

ERRATA CORRIGE: al termine del quinto rigo, dopo oltre, inserire 80

Chi volesse leggere il curriculum di Rosa-Clot piu^ dettagliato può  cliccare sul link seguente:

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Per leggere il secondo intervento originale “Il cambiamento climatico: le cause, gli effetti, i rimedi”, autore  ENEL GREEN POWER,  si rimanda al link:

https//enelgreenpower.com/it/learning-hub/transizione-energetica/cambiamento-climatico-cause-conseguenze; che permetterebbe di leggere sull^energia anche molto altro….,

cioè cliccare questo link da GOOGLE e scegliere la proposizione di interesse.

Comunque, per leggere il nominato articolo, basterebbe, sempre da Google, battere il titolo di esso: “Il cambiamento climatico: le cause, gli effetti, i rimedi”  

 ::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Per il terzo articolo dal titolo:

ALLARME  CLIMA: “La temperatura aumenterà fino alla metà del secolo”

Scienziati avvertono, contro disastri tagliare subito gas serra

Contributo alla discussione sulla energia della redazione Ansa.it del 20-09-2021

Si può può leggere l^articolo  completo cliccando da Google
direttamente il titolo

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

UN BREVE APPUNTO, PROPEDEUTICO, SINTETICO E SEMPLIFICATO, SUL CALCOLO DEGLI ERRORI SPERIMENTALI IN LABORATORI SCOLASTICI (E NON!), con esempi operativi; del dott. Piero Pistoia, prof. di ruolo ordinario in Fisica

8

PARTE PRIMA

PARTE SECONDA

Si riporta una tabella complessa elaborata dall^alunno Andrea Garfagnini, oggi un ingegnere qualificato, al tempo studente del biennio superiore durante un esperimento in laboratorio sul moto uniformemente accelerato, per dare un^idea del metodo usato di cui si parla.

Per chi volesse, in questo blog, approfondire l^argomento precedente , leggere dello stesso autore Piero Pistoia, i post, utilizzando i Tag seguenti per richiamarli: 1-“Riflessione  per una lezione sulla lettura degli strumenti” (approvato in accademia),  2-“Programmi in Basic per il calcolo degli errori di misura” ( art. già pubblicato da DIDATTICA DELLE SCIENZE e informatica nella scuola, n. 132 , pag. 32) e 3- “Un programma per calcolare gli errori su grandezze derivate” (art. già pubblicato da DIDATTICA DELLE SCIENZE e informatica nella scuola, n. 212, pag16)

SCHEDE PER CONTROLLARE L^ASSIMILAZIONE DEI CONCETTI RILEVANTI

Il nostro metodo <insegnativo> comprendeva, al tempo, anche la preparazione di questionari ciclostilati (almeno dieci ogni anno) da somministrare ai singoli alunni come lavoro personale da svolgere in classe per riuscire a misurare l^ assimilazione dei concetti spiegati nelle lezioni di fisica man mano che procedeva lo svolgimento del programma ministeriale. In questo post, che si prefigura come propedeutico alla studio degli errori sperimentali, proponiamo, come esempio di questo aspetto del progetto, le prime due schede per il primo anno di Fisica (teoria semplificata degli errori e primi concetti di cinematica), ma anche una per l^inizio del secondo anno (domande di riepilogo, elettrostatica, una rilevante palestra per i concetti elettrici).

QUESTIONARIO FISICA0001

QUESTIONARIO 1

QUESTIONARIO 2

Questionario 3 ( il terzo del secondo anno; 1 e 2 di riepilogo)

INQUINAMENTO DA GAS SOLFOROSI: principali cause ed effetti collaterali sulla salute; scritto del dott. Sergio Landini. A cura del dott. Piero Pistoia

A Francesco Giovanni Bissoli è piaciuto il seguente articolo; si ringrazia.

PREMESSA

di Piero Pistoia

Cenno alla strana unità di concentrazione ppm priva di unità di misura (ppm=sigla per parte per milione)

Riuscire a intuire come sia possibile ridurre una misura di concentrazione standard ad una specie di concentrazione senza unità di misura, viene facilitato dall^uso del sistema metrico decimale: così se un milligrammo è un millesimo di grammo e grammo è a sua volta un millesimo di chilogrammo, ne consegue che un milligrammo è un milionesimo di chilogrammo (1000*1000 =un milione). In altri termini piu^ verbali, un milligrammo è una parte di un milione di parti tutte uguali costituenti un chilogrammo, cioè una misurazione può avere un valore espresso in una parte per (o su o di) milione di parti uguale a lei (come un milligrammo per ogni chilogrammo: 1ppm=1mg/Kg ovvero 1ppm=1mg/10^6mg). Come si vede mg si semplifica e ppm è privo di marca (grandezza adimensionata)

Questa sigla ppm si usa per misurare basse concentrazioni di un elemento chimico o di una sostanza presente in un^altra sostanza, sciolta o dispersa, che la contiene, e ci indica quanti milligrammi della sostanza contenuta sono presenti in ogni Kg o m^3 del contenitore (per es. acqua, aria, crosta terrestre, e altre sostanze che contengono la sostanza in studio).

Esempio

Ammettiamo si voglia ottenere in ppm la concentrazione di acido solfidrico in aria; si dovrà imparare come trasformare 1 m g/m3 = 1 10-6 g/m3, in ppm : a) Prima si deve trovare il numero di grammi-molecole contenute in 1  m g, dividendolo per il peso molecolare in g dell’H2 S [10-6g/ PM-H2S in g]; b) Si moltiplica questo numero di molecole per 22.41 litri (0° e 1 atm: condizioni standard) che è il volume di una grammi-molecola, ottenendo il volume di tutte queste moli espresso in litri [10-6 g/(34 g) *22.41 litri]; c) Questo risultato lo dividiamo per 1000 litri (che corrisponde ad un 1 m3). Con il passaggio c) il risultato voluto è che 1mg m3 = 0.659 litri/(106*103 litri) = 0,659*(10-3) litri su 106 litri =0.659*10-3 ppm.

Segue in pdf il calcolo a mano dell^esempio:

cvd

Seguendo i suggerimenti del blocco precedente è possibile calcolare anche il ppm per le concentrazioni di O3 e SO2 seguenti:

Controllare anche il seguente conto:

Da continuare…e controllare

Per vedere l^articolo in pdf cliccare su:

BIBLIOGRAFIA

MECCANICA RELATIVISTICA del dott. prof. Giorgio Cellai

Post in via di costruzione…

Per vedere  gli articoli del prof. Cellai in successione, cliccare sotto:

Cinematica rel. 1,2. pdf

—————————

Tre applicazioni del concetto di tempo proprio dell’articolo precedente:

rel. 2.2-cinematica-prof. Cellai.pdf

—————————————-

Cenni di dinamica relativistica-Il sillabario

—————————————————–

 

“INTERVENTI-SCUOLA: ALCUNE CONSIDERAZIONI SUL NUCLEARE, SULLA BOMBA A NEUTRONI ED ALTRO; a cura di Piero Pistoia e Gabriella Scarciglia

POST IN VIA DI AGGIORNAMENTO E CORREZIONE…

PREMESSA

In questo periodo per molti aspetti particolare, ci siamo messi, scartabellando, a rileggere qua e là  svariati fogli ciclostilati, ingialliti e ‘sbecchellati’ al bordo, scaturiti da una lontana associazione culturale a sfondo sociale -politico di tanto tempo fa, che si riproponeva però anche di collegare in modo stretto e significativo il mondo della cultura s.l. con quello scolastico. Abbiamo rivisitato i suddetti articoli con la convinzione iniziale che, dato il numero grande di anni trascorsi, avessero perso la loro validità. Rileggendo e confrontando ciò che scrivevamo allora con il mondo culturale e scolastico di oggi; ci siamo resi conto che gli scritti di allora hanno mantenuto, a nostro parere, non solo la loro importanza e validità, ma oggi più di allora, riteniamo occorrerebbero più associazioni sociali che di occupassero di più delle stesse tematiche che possano agire come legame e tramite con la scuola. Questa organizzazione culturale politico-sociale sorse allora nel nostro territorio per dar conto di quanto si elaborasse da varie parti ed in varie direzioni, appunto a livello culturale, per cui non si sarebbe potuto trascurare un aspetto tanto essenziale  quanto la scuola, ai suoi differenti livelli e settori. Ciò condusse a produrre un foglio dove nelle “pagine libere” da altri interventi e contenuti sindacal-politici potessero essere accolti contributi a carattere pedagogico e comunque riferiti a tutto quello che nella scuola si sarebbe prodotto di valido da parte di docenti e alunni. Fu aperta così una rubrica dal titolo “Interventi-Scuola” che anche noi oggi riutilizzeremo per costruire il nostro post e per pubblicare intanto alcuni di questi scritti, alla meglio recuperati, fra cui un lavoro scientifico di ricerca scolastica di due giovani alunne, che riteniamo di segnalare, tenendo conto del livello scolastico, per la relativa rigorosità e completezza dei concetti, che, uniti al linguaggio piano, ne fanno un esempio di divulgazione, anche al di là della specifica occasione scolastica che lo ha originato.

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

I due interventi-scuola, accennati precedentemente e dei quali si parla nel seguente scritto, sono in via di pubblicazione…

 

Ricerca_interventi scuolaOk0001

 

BOMBA_neutr0001

 

Molti altri furono gli interventi pubblicati nelle “pagine libere”, per es., di botanica del territorio, di fisica terrestre, di poesia, di psicologia e pedagogia, anche temi svolti, uno interessante su Van Gogh… ed altro e molto è andato perduto, insieme ad una esperienza, forse da non dimenticare.

P.P. – G.S.

BREVI APPUNTI INTRODUTTIVI DI MECCANICA CLASSICA: Sistemi di misura – Analisi dimensionale: esercitazione – Cenno agli errori di misura e concetto di cifre significative – Analisi vettoriale: esercitazione, prodotto scalare, prodotto vettoriale; a cura di Piero Pistoia

Post in via di controllo…ed eventuale correzione

PREMESSA NECESSARIA

Questo scritto nasce da una serie di appunti di mio nipote, presi in diretta da alcune prime lezioni di Fisica all’Università.

Rovistando in una caterva di testi e quaderni di appunti scolastici conservati  alla rinfusa nel ripostiglio per attrezzi e mobili dismessi ho notato un quaderno con la scritta a mano, Fisica 1.

Mi sono messo a sfogliarlo e a leggerlo dove riuscivo qua e là. Gli appunti scolastici sono leggibili, forse, solamente da quelli che con difficoltà li scrivono, se riescono contemporaneamente a tracciarli mentre capiscono per ricordare! cioè ad appuntare velocemente qualcosa di rilevante, legato da un filo logico in successione. Ad occhio mi è sembrato che quelle lezioni fossero state capite per la maggior parte da mio nipote e riportassero concetti rilevanti propedeutici ad una successiva comprensione di un corso di fisica superiore. Così ho pensato di affrontare la “messa in bella”, come allora si diceva,  di queste prime lezioni introduttive alla Meccanica Classica con qualche integrazione, pensando che potessero servire anche per altri. Data la difficoltà di questo lavoro la forma viene qua e là trascurata.

 

Per vedere questi appunti cliccare su:

in odt

fisica_brevi-appunti-di-meccanica-classica1 (1)

in pdf (da aggiornare…)

fisica_brevi-appunti-di-meccanica-classica1 (1)

 

 

ANCORA SULL’AUTO-AGGIORNAMENTO: una facility di nozioni, appunti, disquisizioni per “costruire” alcune lezioni di base in Fisica (in particolare forza centrifuga e centripeta); a cura del dott. Piero Pistoia

Siamo quasi alla fine del lavoro, poi lo trasferiremo in pdf!

ANCORA SULL’AUTO-AGGIORNAMENTO

UNA FACILITY DI NOZIONI, APPUNTI E DISQUISIZIONI PER ‘COSTRUIRE’ ALCUNE LEZIONI DI BASE IN FISICA

IN PARTICOLARE SUI CONCETTI DI FORZA CENTRIPETA E CENTRIFUGA

a cura del Dott. Piero Pistoia

Questo scritto, come tutti quelli che nascono da un auto-aggiornamento, non ha avuto la limatura ottimale di un vero articolo, essendo compilato in tempi diversi, da letture diverse sugli stessi argomenti, e con una certa immediatezza, per cui il linguaggio non è cosi scorrevole, organizzato e ripulito, ed il contenuto spesso ripetitivo e frammentato, risentendo anche della finalità di una tale ricerca che è quella di precisare il contenuto piuttosto che la forma, da rielaborare in una lezione scolastica.

Corpo che ruota

in pdf, cliccare su:

forza-centrifuga_centripetaok5-1-1-1

E…

“UN APPROCCIO DIDATTICO OPERATIVO ALLA ANALISI DI FOURIER SU DATI SPERIMENTALI E SIMULATI COL SUPPORTO DEL SOFTWARE MATHEMATICA DI WOLFRAM; cenni al rapporto fra senso comune ed insegnamenti dei saperi preposti alle scelte”; del dott. Piero Pistoia

Per leggere lo scritto guida del dott. Piero Pistoia in pdf cliccare sul link seguente:

ARTFOUART-math1OK

Per seguire le esercitazioni col MATHEMATICA e vedere i grafici relativi  integrare con  il post “Un parziale percorso di base sulla analisi di una serie storica reale“; in particolare: Appendix5 che comprende “math_funzione_premessa1 in pdf” scritto sempre di Piero Pistoia