IN PRINCIPIO ERA L’INNOCENZA: riflessioni per ricerche, parte prima; a cura di Vittorio Pedrinazzi

NB – A Roberto Niccolini è piaciuto questo post, come da mail inviata all’all’Amministratore il 30-Gennnaio-2019.

 

IN PRINCIPIO ERA L’INNOCENZA, PARTE PRIMA: RIFLESSIONI DIFFORMI  PER RICERCHE, AL MARGINE DELLA VIGENTE CULTURA GLOBALIZZANTE

a cura di Vittorio Pedrinazzi

Per leggere l’articolo cliccare su:

in-principio-parteprima1

Da continuare….

Annunci

IN PRINCIPIO ERA L’INNOCENZA: riflessioni per ricerche, parte seconda; a cura di Vittorio Pedrinazzi

IN PRINCIPIO ERA L’INNOCENZA: RIFLESSIONI PER  RICERCHE, parte seconda; a cura di Vittorio Pedrinazzi

N.B. Chi vuole leggere l’articolo, in pdf, in sezioni separate, cliccare sopra i  successivi links; tornando indietro ogni volta all’articolo, per leggere il resto, cliccando sulla freccia in alto a sinistra!

1,5, IN PRINCIPIO SECONDA PARTE prova

6 UN PIANETA UNICO

7,8 ETICA MORALE etica della terra

9 PR0GRESS1

10, 11 sviluppo e crescita

12 C0S’E’ MODERNO

13_ 14 LIBERTA1

15, 16, 17 RAZIONALITA E INTELLIGENZA

Da continuare….mancano ancora una decina di pagine

N.B.Al termine del lavoro, potremmo inserire questa intera seconda parte dell’articolo in un unico file in pdf! con UN UNICO LINK. Unendo anche la prima parte, l’autore, se vorrà, potrebbe ricavarne uno stampato di tutto lo scritto in pdf da rilegare a piccolo libro.

	                    
 BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE (da aggiornare)


Lao TSE “Il Libro della Norma e della sua applicazione”, Rizzoli

M. Fukuoka “La rivoluzione del Filo di Paglia”, Libreria Fiorentina

H. Thoreau “Walden ovvero la vita nei boschi”,  Mondadori

C. L. Strauss  “Il pensiero selvaggio”, Il Saggiatore

M. Sahlins  “L'economia dell'età della pietra”,  Bompiani

G. Sneider “La grana delle cose”, Gruppo Abele

G. Sneider “Nel mondo selvaggio”, Ed. Red

I. Illich 	“Lavoro Ombra”, 	Mondadori
	“Il genere e il sesso”
	“La convivialità”
	…. e tutti gli scritti.

M. Bookchin “L'Ecologia della Libertà”, Elèutera

P. Rossi 	“Cultura e Antropologia”, Einaudi

P. Rossi “Il concetto di Cultura”, Einaudi

J. Neihardt “Alce Nero parla. (Edizione con introduzione di G. Dossena)”, Mondadori	                                                       
	

Dee Brown “Seppelite il mio cuore a Wounded Knee”, Mondadori
	

Dee Brown “Attorno al fuoco”, Mondadori

C. A. Eastman “L'anima dell'Indiano” Adelphi

N. Minella “Indiani Oggi”, Gamma Libri

M. Morieri “bibliografia completadi testi  e documenti relativi agli indiani del Nord America).

Fra Bartolomè “La leggenda nera de las Casa”,  Feltrinelli


V. Von Nagen “Il Mondo dei Maya  L'impero degli Incas”,  Melita Ed.
	.

R. Bircher  “Gli Hunza il popolo della salute”,  Libreria Fiorentina
	

W. Berry “Il corpo e la terra”, Libreria Fiorentina

M. K. Gandhi  “Villaggio e autonomia”, Libreria Fiorentina
	(... e tutti i suoi scritti).

 

LA RUOTA, APPUNTI PER UNA RICERCA; del geom. Vittorio Pedrinazzi

E.C.All’ottavo rigo dell’articolo sostituire ‘Carlo’ con ‘Alessandro’.

Per leggere in pdf l’articolo di Vittorio Pedrinazzi, cliccare su:

 

pedro_la_ ruota

 

(rivisitato dall’inserto Il Sillabario cartaceo)

SCRITTO POETICO “L’EREDITA’ PERDUTA ( 1986)”, di Pedro; a cura di Piero Pistoia

Per leggere in pdf lo scritto poetico cliccare su:

PEDRO0001

 

BREVE COMMENTO CRITICO, UN PO’ AZZARDATO, DI PIERO PISTOIA E GABRIELLA SCARCIGLIA

Nel drammatico scritto emotivo di Pedro, prezioso, paradigmatico e  predittivo, pulsa a sprazzi tutta la sapienza nostalgica ed efficace accumulata dall’Homo sapiens agricoltore nel corso dei millenni (almeno a partire da 12000 anni fa). Oggi il mestiere nelle mani dell’agricoltore si sta perdendo – come sta accadendo per tutti gli altri mestieri più o meno professionali – si pensi, per es. al medico condotto, al meccanico dei veicoli, all’ingegnere dei ponti… -; l’avvento della meccanizzazione sempre più sofisticata, tecnologicamente fondata e dei prodotti di una chimica sempre più aberrante sta scardinando la “Grande Ruota che gira”; gli alberi non porteranno più frutti idonei e freschezza, pur scelti non più nella macchia, ma in laboratori sofisticati ed innestati con “le qualità migliori”, ma solo presunte – e fra “i ragazzini schiamazzanti sull’aia della vita”, al nostro imbrunire, ormai consapevoli di un futuro incerto, è difficile trovare “un testimone” (o affidare  “il testimone”) per tramandare l’antica conoscenza che sta ‘evaporando’ da tutti i contesti. La stessa convulsa comunicazione attraverso i mezzi di massa  su questi problemi, che sembra ‘frullare’, con intensità crescente, il vecchio con il nuovo, apertamente discontinui e forse scarsamente miscelabili, non crediamo apra spiragli (si pensi alle continue e sempre più frequenti individuazioni in ritardo,  di molecole chimiche dannose impreviste – forse infinite! – nei più svariati contesti). Basta la modifica di una sola molecola per rendere nebbioso il futuro! Che la conoscenza crescente delle cose costruite dall’uomo (Verum ipsum factum) – conoscenza lineare – stia soffocando la saggezza (conoscenza globale, complessa, intuitiva, in risonanza con la Natura e forse telepatica) dell’uomo cacciatore-raccoglitore (ben oltre 12000 anni fino al buio dei tempi) ancora nascosto dentro di noi?

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

UNO ZIBALDONE DI BREVI RIFLESSIONI (democrazia, addomesticamento, anything goes (Feyerabend), Eraclito, evoluzione, ed altro) SU CUI MEDITARE, a cura del dott. Piero Pistoia

 

ERRATA  CORRIGE – Alcuni di questi frammenti sono stati trasferiti da alcuni numeri de ‘Il sillabario’ cartaceo  di cui Piero Pistoia era direttore culturale; oggi esso è promotore del Sillabario2013 insieme ad altri e, di fatto solo per necessità (pro bono), esercita la funzione non ufficiale di coordinatore. Così la scrittura ‘Direttore culturale’ in questo post, va sostituita con ‘Coordinatore’ (NDC).

LINKS INTERNI ALLE ‘BREVI RIFLESSIONI’ VERSO IL FONDO del POST (le prime riflessioni delle dieci, sono accessibili scorrendo)

EPIGENESI(cenni)
M. Boockin: Felicità e Piacere
La danza di SHIVA di P. Pistoia
Costruzione della Conoscenza (flash) di P. Pistoia
Considerazioni sull’evoluzione (flash) di P. Pistoia

NB – Questi links ‘colpiscono’ qualche rigo sotto l’obiettivo!

ECCLESIASTE (9,11 – 12)

UNO ZIBALDONE DI RIFLESSIONI SU CUI MEDITARE

N.B. – La bibliografia a nome di Piero Pistoia può essere cercata su questo blog

____________________________________

A cura del dott. Piero Pistoia

_______________________________

Considerazioni sull’evoluzione (flash) di P. Pistoia

Cliccare sul seguente link:

<img class=”aligncenter size-large wp-image-12390″

Costruzione della Conoscenza (flash) di P. Pistoia

>UN PENSIERO SULLA COSTRUZIONE DELLA CONOSCENZA (NDC)

La conoscenza non si costruisce per tentativi ed errori, ma per ‘tentativi creativi’ ed errori, che un einfunlung specifico attiva, trasformando un ambiente ‘caotico’ in uno ‘stocastico’ (da greco stocàzomai =tirare una freccia con l’arco su un bersaglio). Si tratta però di una “creatività”  da “dentro” e non da “fuori”! Creatività che partecipa  anche degli eventi della memoria biologica – astrologica (forse) (dalla pietra, alla pianticella spontanea all’albero della macchia, dall’acqua, all’aria, alla terra: eventi della vita che suggeriscono ipotesi per la vita),  oltre alla memoria culturale in stadi successivi, che spiegano un fitting che migliora sempre più nel futuro, richiamato da un matching regolativo foggiato dal marasma evolutivo.

Piero Pistoia

La danza di SHIVA di P. Pistoia

LA DANZA DI SHIVA (NDC)

Dietro la danza di Shiva non c’è solo la fine, la morte termodinamica, ma anche l’inizio. La distruzione ha significato evolutivo, nel senso che alla fine di essa si aprono alla vita nuove possibilità; riecheggia anche qui il concetto di enantiodromia eraclitea (vedere il post su questo blog). Solo se tali possibilità saranno inibite da un intervento esterno (per es., da quello umano) si ha l’estinzione definitiva!

La danza cosmica di Shiva, la dea della distruzione/creazione dell’Olimpo che sopravvive, con la compagna binaria del sole, sembra perturbi, attraversando la nebulosa di Hoote, le traiettorie delle comete che ‘piovono intorno alla terra. Così sembra infatti che la compagna binaria del sole passi ogni 26-28 milioni di anni, nei dintorni della nebulosa origine delle comete, venendo a controllare la vita e la morte sul nostro pianeta. Per questo qualcuno chiamò appunto Shiva la ‘gemella del sole.

Piero Pistoia

UN PENSIERO AZZARDATO, UNA “CAZZATELLA”  SUL NOUMENO

Certe proposizioni qualitative-descrittive pur sperimentali ‘lette’ dall’occhio umano, non si modificano aumentando la precisione dello strumento. Così sembra che le proposizioni che attengono ai cambiamenti in valore o intensità di molte grandezze, per es. l’altezza di oggetti, la loro posizione, la loro velocità…;  le affermazioni del tipo “questi oggetti A e B hanno  altezze diverse”, o “Questi oggetti A e B sono in posizioni diverse,; A e più vicino a me di B…”, o “A va più veloce di B”….Un essere capace di vedere il Noumeno non percepirebbe la stessa cosa? Allora, se fosse così, noi non dovremmo percepire qualcosa del Noumeno, cioè una parte di esso, indipendentemente dal significato intrinseco di A e B e dello spazio in cui sono situati?

Piero Pistoia

M. Boockin “Felicità e Piacere” di V. Pedrinazzi

M. BOOKCHIN: SULLA FELICITA’ ED IL PIACERE

Vittorio Pedrinazzi

EPIGENESI(cenni)
BREVE DEFINIZIONE PROVVISORIA E PROBLEMATICA DI “EPIGENESI”
L’Epigenesi è un processo secondo il quale, durante lo sviluppo ontogenetico degli individui, l’ambiente esterno riesce a incidere tracce sul DNA con possibilità di modificare il pool genetico (?) in maniera che la traccia incisa sia trasmessa alle successive generazioni (è un Aspetto Lamarchiano?). Cioè, le esperienze di vita possono modificare il DNA in maniera così consistente da trasmettere le modifiche alle generazioni future? Insomma le modifiche del mio sistema cerebrale dovute all’azione della cultura (se ci fossero state) saranno state trasmesse anche ai miei due nipoti? L’allungamento del collo delle giraffe nel corso della loro evoluzione dovuta allo sforzo continuo durante la vita per raggiungere le foglie divenute sempre più alte sugli alberi, anche questo può aver contribuito a produrre l’attuale collo lungo della giraffa?

Piero Pistoia

Per chi volesse rispondere agli interrogativi, ao123456789vz@libero.it.