UNA ‘CALDA’ POESIA “CANTO NOTTURNO”, ripresa dal sito ‘acutamente’; a cura di un Editore (pieropistoia) del nostro blog

A Roberto Nicolini sta piacendo questo post

A nostro avviso Il modo di poetare dell’autrice è ‘denso’ di Anima e Natura quasi in un dolce abbraccio metamorfico, nostalgico e talora provocatorio, ma sempre coinvolgente.

CANTO NOTTURNO

Sono la notte stremata che volge al termine

Sono il manto boschivo

Il faggio e l’acero e il carpino

Sono il rapace notturno che si congeda.

Sono muschio odoroso e scuro

Come il sentiero che percorro

E il mio pensiero si condensa in stille di rugiada

Sono la goccia che fa splendere nel buio il ciclamino

Il segreto che la notte sussurra all’orecchio del mattino.

Poesia ripresa da blog ‘acutamente’ (la mente è tutto in potenza ed in atto niente); se l’autrice, e le autorità del blog sono in disaccordo, in breve sopprimeremo questo post, se avvertiti alla mail ao123456789vz@libero,it

Da continuare….

Annunci

OVIDIO: IL MITO DI DEUCALIONE E PIRRA, dott.ssa prof.ssa Eleonora Chiarugi-Peltenburg; post aperto ad altri interventi

chiarugi.pettelberg0001

chiarugi.pettelberg0002

 

Eleonora Chiarugi -Peltenburg


POST SCRIPTUM di Piero Pistoia

CHI POSSIEDE UNA BUONA TRADUZIONE (per es., alla Monti) DEL TESTO LATINO DI QUESTA METAMORFOSI DI OVIDIO LA SPEDISCA A:

ao123456789vz@libero.it

O MEGLIO

Chi vuole cimentarsi nella traduzione, la spedisca allo stesso indirizzo; la passeremo poi ai poeti che cercheranno di trasformarla ‘alla Monti’

GRAZIE!

DEUCALIONE E PIRRA  dalle  Metamorfosi di Ovidio  Libro I°  313-415   (Testo Latino)

ovidio0001ovidio0002 ovidio0003 ovidio0007