ANCORA SULLA SCUOLA DI IERI E SCUOLA DI OGGI: commento al margine della dott.ssa prof.ssa Lucia Ghilli

Concordo pienamente con voi. Voglio avere il coraggio di aggiungere al vostro ricco e magnifico intervento poche (e già conosciute) riflessioni tra le miriadi che sottolineano l’importanza della scuola e della conoscenza quando aiutano a crescere davvero.

Conoscenza e vita: “Omnia mea mecum sunt”

E’ in primo luogo di fondamentale importanza che nessun tipo di interesse pratico si ponga come causa/effetto del sapere.

Seneca insegna:
“Il saggio non può perdere niente; ha tutto dentro di sé, non lascia niente alla sorte, tiene i suoi beni al sicuro, è tutto teso alla virtù, che non è legata a ciò che viene dalla sorte e per questo non può crescere né diminuire, perché […] la sorte può togliere solo ciò che ha dato, ma la sorte non dà la virtù, quindi non la può togliere: la virtù è libera, inviolabile, salda […] Il saggio […] mantiene il possesso della sola virtù […] e si serve di tutto il resto come di qualcosa di passeggero. […]. Demetrio Poliorcete, che aveva conquistato Megara, chiese al filosofo Stilpone se avesse subìto qualche perdita e Stilpone rispose: «Niente. Tutte le mie cose sono con me». Eppure il suo patrimonio era stato preso come bottino di guerra, il nemico aveva rapito le sue figlie, la sua patria era caduta in mani straniere e un re, circondato dalle armi di un esercito vincitore, gli faceva domande dall’alto della sua superiorità. Ma il filosofo scalfì la sua vittoria assicurandogli che, pur nella perdita della patria, non soltanto restava non vinto, ma addirittura non aveva subito danni. E aveva davvero con sé i veri beni, quelli che nessuno può toccare. Quei beni che aveva perso, quelli che erano stati sottratti, non li considerava suoi, ma cose precarie che seguivano un solo cenno della sorte. Per questo non li aveva mai amati come propri, perché il possesso di tutte le cose che provengono da fuori di noi è instabile e incerto.”
L’exemplum estremo di Stilpone non suggerisce l’inutilità del pane quotidiano, ma afferma l’assoluta superiorità dell’immateriale.

L’anomalia in nature ben dotate”

Arato, grande nemico dei tiranni, animato da un grande senso di giustizia, cadeva poi nelle imprese campali. Ecco la riflessione di Plutarco:
“A quanto pare, non solo esistono alcuni animali che hanno una vista acuta nell’oscurità e debole di giorno, perché la secchezza dovuta al sottile strato di umore oculare rende loro insopportabile il contatto con la luce, ma ci sono anche degli uomini che possiedono una forza e una perspicacia per natura soggette al turbamento allo scoperto e nelle guerre dichiarate e che riprendono vigore nelle imprese segrete e furtive. Una simile anomalia in nature ben dotate è provocata dalla mancanza di un’educazione filosofica, e ciò porta la virtù a restare priva di scienza, come un frutto nato spontaneamente e non coltivato.”

L’ingegno multiforme

Perché, tra tutti gli eroi dell’Iliade, solo di Ulisse ci resta un ampio e magnifico poema? L’uomo dall’ingegno multiforme compie un lungo e tortuoso viaggio, durante il quale più volte si ferma per una curiositas che lo spinge a osservare. Che cosa osserva Ulisse? L’uomo. La mente che indaga non si ferma se non per capire, a costo di correre grandi rischi, e solo così può tornare a casa, ovvero riscoprire il suo autentico sé, il vero “regno di Itaca”.

Programmi e ferraglia

Umberto Eco scriveva:
Tutti sappiamo che, per dirla in parole povere e con inevitabili anglicismi, il futuro sarà sempre più dominato dal “software” a scapito dello “hardware”, ovvero dalla elaborazione di programmi più che dalla produzione di oggetti che ne consentono l’applicazione. Steve Jobs è diventato quel che è diventato non perché ha progettato degli oggetti che si chiamano computer o tavolette (che ormai li costruiscono i paesi del Terzo mondo) ma perché ha ideato programmi innovatori che hanno reso i suoi computer più efficienti e creativi di quelli di Bill Gates, che fa peggio a ogni nuova versione di Windows. Quindi, anche nel mondo della tecnologia, l’avvenire è di chi sappia ragionare in modo da inventare programmi. E si dà il caso che chi abbia fatto una tesi di logica formale, di filologia classica, di filosofia, abbia allenato una mente più adatta a inventare programmi (che sono materia del tutto mentale) di chi abbia studiato come fabbricante di “ferraglia”.

La domanda, l’ipotesi, la libera analisi critica minacciano il mondo dell’interesse. Chiamare la scuola di oggi e, come alcuni sperano (e purtroppo saranno facilmente accontentati), anche quella di domani “buona scuola” significa usare un sotterraneo e pericoloso ossimoro.
La scuola “buona” è quella che cresce individui autonomi che sappiano ben porsi in relazione con altri individui e siano in grado di agire all’interno di una società che migliora se stessa grazie a “foreste” di sollecitazioni.
La scuola “buona” non insegna solo a reperire panem et circensem. La stessa espressione “alternanza scuola lavoro” suggerisce l’idea che finora scuola e lavoro siano stati “altera” (sappiamo che non è così) e che finalmente la buona scuola abbia fornito una soluzione efficace, permettendo di spendere immediatamente le conoscenze che si acquisiscono. Un’idea non solo utopistica, ma anche pericolosa, perché ormai sappiamo che una valida formazione si spende per lo più a distanza.

Grazie per i vostri preziosi contributi

Lucia Ghilli

LEGGERE SU QUESTO BLOG anche i due posts sulla ‘Buona Scuola’ a nome dei docenti Piero Pistoia, Donatella Scarciglia, Gabriella Scarciglia  ed il commento del dott. Prof Giacomo Brunetti

Annunci