LIBERA INTERPRETAZIONE DELLA CANZONE “TEARS IN HEAVEN” (GOCCE DI PIANTO NEL CIELO), di Eric Clapton, a cura del dott. prof. Alessandro Togoli

Questo testo è una libera interpretazione della canzone di Eric Clapton “Tears In Heaven”, dedicata al figlio morto. La dedico non solo a Sara, mia figlia, ma a tutti i ragazzi che hanno abbandonato troppo presto questa vita, in particolare ad Alan, Michele, Francesco, Cheti, Mirko, Saida, che ho conosciuto, ma anche a tutti gli altri che non conosco.

Gocce di pianto nel cielo

Ricorderesti il nostro nome

Nel trovarci su nel cielo

Sentiresti il nostro calore

Nello scorgerci su nel cielo

Dobbiamo essere uniti

E continuare ad immaginarti

Perché non possiamo avvicinarti nel cielo

Carezzeresti la nostra mano

Nel trovarci su nel cielo

Sederesti in mezzo a noi

Con un sorriso su nel cielo

Cercheremo la nostra via nel buio e nella luce

Perché non possiamo che pensarti nel cielo

Il tempo ci può far cadere in basso,

il tempo ci può far piegare in ginocchio,

il tempo ci può far incrinare il cuore,

il tempo ci può fare implorare di smettere

Ma dietro il buio di una porta socchiusa si rischiara la pace

E noi sappiamo che la triste pioggia gelida non scenderà più dal cielo

Ricorderai il nostro nome

Nel sentirci su dal cielo

Sentirai il nostro calore

Nel vederci su dal cielo

Ancora una volta saremo uniti

nel continuare a recitare per te

Perché tu ci applaudi dal cielo

A cura di Alessandro Togoli

Chi volesse ascoltare questa canzone battere da Google “Facebook, Eric Clapton “Tears, In Heaven”

Annunci