TEMPI PERDUTI poesia di Piero Pistoia

TEMPI PERDUTI

Tempi perduti.
Quando, bimbi, sentivamo,
fra filari di viti, sommessa nell’aria,
la Primavera.
Bizzarra, inesplorata, occhieggiante.
Fra le pieghe del garofano di campo,
piccolo nel verde odorante di nepitella.
Segni di epoche.
Fiori poveri, odori crudi.

Suoni selvaggi aggrediscono il ricordo.
O il dolore del tordo
che si dibatteva nella bruma.
Al margine del pruno.
Sento ancora nell’anima
lo scatto della trappola.

Trasformazioni intorno a noi.
Colori suoni profumi con le stagioni.
Cambiamenti dentro.
Esperienze di vita e di morte.
Manca questo alle nuove generazioni?

Oggi, nonno,
Guardo mio nipote Gian Marco.
I suoi occhi nel futuro.
Piccolo ma già grande. Per certi versi.
La sua mente…intelligenza.
I suoi amici…Dràgonball, Picaciu
e gli altri miti
sorti con l’ultima simulazione.
Altre trasformazioni.
Il corpo solo crea vita.
La mente solo utensili!
Il ricordo si adatta al crepuscolo?
Forse. Si schiude una nuova era!

(Piero Pistoia)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.